Convegno “Etica e sport” – Istituto “Giovanni Falcone”, Colleferro

Con il presente articoletto mi trovo a fare un bilancio sul Convegno “Etica e sport” che si è tenuto il 27 novembre scorso, presso l’Aula magna dell’Istituto “Giovanni Falcone” sito in Colleferro, Via dell’Artigianato 12.

Ho ricevuto molti complimenti da più parti per una manifestazione che ha destato un interesse maggiore di quello che mi sarei aspettato. Innanzitutto ho ricevuto complimenti per il livello delle persone dei relatori e dei contenuti da essi esposto e che tenderei a distinguere in due parti: da una parte, dal punto di vista tecnico, il Prof.Maurizio Longega (giudice FIDAL, il quale si è occupato di trattare dell’importanza dello sport nell’educazione); Daniela Ricciutelli (marciatrice, campionessa di livello mondiale ed allenatrice, che ha illustrato il ruolo della  donna nello sport, il difficile impegno dell’atleta e dell’allenatrice); e Laila Soufyane (atleta di Esercito Giovani, anch’essa donna nello sport che si trova a gestire il suo ruolo di soldato e di madre, coniugando questi grandi impegni con quello sportivo mantenendo l’alto livello di preparazione atletica); dall’altra parte, per il coinvolgimento motivazionale, il Gen.Margotti (di Esercito Giovani, il quale dall’alto della sua passione sportiva e della sua pratica professionale è tra i migliori per potersi pronunziare in tema di sport come autodisciplina del singolo e del suo valore nelle relazioni con gli altri); e, infine, il Col.Martelli (che ha proseguito questo solco e ha toccato questioni che più direttamente hanno coinvolto i ragazzi a comprendere l’importanza dello sport nell’autodeterminazione dell’individuo e delle sue scelte). Presenza d’onore è stato il Prof.Sergio Liani, celebre ostacolista italiano membro del comitato “Azzurri d’Italia” del C.O.N.I. mentre l’autorità comunale è stata rappresentata dall’Assessore all’Istruzione, Sport, Politiche giovanili e Spettacolo Sara Zangrilli.

Purtroppo non ha potuto partecipare il carissimo amico Pio Belli, allenatore e giudice, più volte premiato con la Stella dello Sport, che ha dedicato la vita alla preparazione dei fanciulli e dei giovani dando ad essi prospettive e opportunità che la realtà di provincia non offre.

Ringrazio l’Istituto “Giovanni Falcone” con il quale ho potuto portare avanti questo progetto che ha mirato ad evidenziare il rapporto tra etica e sport (elemento, quello dell’etica, sul quale punta l’Istituto in quanto Liceo Scientifico Sportivo), una relazione, come ho richiamato nel mio intervento introduttivo, che ha determinato la nascita dei Giochi ellenici ed ha influito sui grandi progetti educativi dell’antichità e anche su quello del pedagogista De Coubertin. Il ringraziamento all’Istituto è anche per avermi fornito la preziosa collaborazione della Vicepreside, Professoressa Patrizia Caricato, persona dalle grandi capacità organizzative ed operative, con la quale ho condiviso l’organizzazione e a lei, come sono spettati la metà degli oneri, spettano la metà degli onori.

Merico Cavallaro

Precedente I rapporti tra Federico II e l’Ordine templare Successivo